RSS Feed
Set 23

RACCOLTA VIDEO E IMMAGINI DELLA MANIFESTAZIONE “LA STRADA NON E’ UNA CASA”

Posted on lunedì, Settembre 23, 2013 in Manifestazioni, Rassegna stampa

LA STRADA NON E’ UNA CASA

SU PRECARIETA’ E MARGINALITA’ NON SI COSTRUISCE IL FUTURO!

Foto: Domani, ore 15.30 da questa casa recuperata da 20 anni di abbandono partirà il corteo "La strada non è una casa". Su marginalità e precarietà non si costruisce il futuro. Vi aspettiamo, una questione di dignità.

Ringraziamo tutte e tutti per il contributo a questa importante giornata di lotta!

Abbiamo messo insieme un pò di documentazione della giornata, ma tanto ancora è il materiale che sta girando  e che continua ad arrivare!

Gallerie fotografiche

Hundreds march for housing rights in Reggio Emilia

La strada non è una casa – Chiara Tolomelli

Diritto alla casa – diritto alla città!

Video:

START Corteo 21 settembre 2013 – La casa è un diritto!

START Corteo 21 settembre 2013 – Si comincia dai DIRITTI –

Corteo 21 settembre 2013 – Siamo nel cuore della nostra città?

Rassegna stampa:

Reggio Emilia – In centinaia in corteo per il diritto all’abitare

21 settembre 2013: La strada non è una casa. Corteo a Reggio Emilia per il diritto alla casa

Reggio Emilia: sfilata del corteo per il diritto alla casa

Tante case vuote. Eppure c’è chi dorme in strada

 

 

Lug 27

MANDATO DI CATTURA INTERNAZIONALE PER DISSIDENTE POLITICO TOGOLESE

Posted on sabato, Luglio 27, 2013 in Rassegna stampa

La conferenza stampa dell’associazione Città Migrante e dei legali

tratto dal sitto: www.meltingpot.org
i video della conferenza stampa

Amegandjin Mawule fugge dal Togo, dopo essere stato rinchiuso e torturato in un carcere clandestino perché dissidente politico dell’attuale governo del paese.
Grazie all’aiuto di alcune persone riesce ad arrivare in Italia ma al momento della richiesta di protezione internazionale presso la Questura di Reggio Emilia dopo essere stato fotosegnalato, viene tratto in arresto in esecuzione di un mandato di cattura internazionale a suo carico, che ha dato vita al tutt’ora pendente processo di estradizione: il Togo lo rivuole indietro. Questo significherebbe una sola cosa : il signor Amegandijin dovrebbe tornare in patria dove, come ha più volte dichiarato, rischierebbe la vita.
Questa storia non passa in silenzio, come molto probabilmente avviene per tante altre vicende che possono essere simili a questa. Non è una novità che dissidenti politici che fuggono dal paese di origine poichè perseguitati, una volta arrivati in Italia, senza risorse, senza reti e senza avvocati, vengono rimpatriati nel loro paese dove troppo spesso li aspetta la tortura e la morte. Anche le ultime vicende balzate agli onori della cronaca sono la testimonianza di come – con troppa facilità – queste persone vengano espulse senza tutela dei loro diritti fondamentali.

Il signor Mawule arriva allo Sportello dell’associazione Città Migrante il 22 maggio 2013 accompagnato da alcune persone che lo hanno trovato in stazione, dove da pochi giorni si trovava dopo l’arrivo in Italia. Racconta di essere un perseguitato politico. E’ uno dei membri fondatori dell’ANC (Alliance Nationale pour le Changement) , un partito politico che è all’opposizione rispetto al governo in carica. Si tratta di un partito giovane e di composizione eclettica e variegata che raccoglie le molteplici esigenze di cambiamento di un Paese che da sempre porta su di sè il peso di una dittatura che si finge democratica.
La mattina del 4 marzo scorso, in Togo, quattro agenti della polizia di Stato in borghese lo prelevano dalla sua abitazione , lo ammanettano, lo bendano e lo caricano su un’auto senza targa. Lo rinchiudono in una struttura clandestina che funge da carcere. Nei giorni seguenti viene appeso al soffitto con una corda, sottoposto a scariche elettriche , bastonato, immerso nell’acqua gelida ovvero nei suoi escrementi e sottoposto a luce abbagliante fino a riportare danni permanenti agli occhi. Lo interrogano e lo invitavano a confessare di far parte di gruppi che promuovono manifestazioni di opposizione al governo ed altre attività di apologia ovvero sovversive.
Un giorno uno dei soldati di guardia, che non partecipa agli interrogatori, lo riconosce perché cliente di un negozio in cui il signor Amegandjin aveva lavorato precedentemente.
E’ la stessa guardia a riferire al signor Mawule che si trovano in un carcere clandestino della ANR (Agenzia nazionale di Intelligence) dal quale non si esce mai sulle proprie gambe.
Il soldato riferisce poi a Mawlè che è stata organizzata la sua fuga e lo aiuta ad evadere dal carcere, dove un prete di origine ghanese lo porta oltre confine, lo cura ed organizza il viaggio fino all’arrivo in Italia.
L’associazione Città Migrante attiva le procedure per la richiesta di protezione internazionale insieme all’avvocato Alessandra Scaglioni che collabora con lo sportello, oltre ad attivare le strutture del territorio perché il signor Amegandjin possa essere accolto in un progetto, vista anche la delicata situazione in cui le persone vittime di tortura si trovano. Il territorio di Reggio Emilia non fornisce risposte e il signor Mawule viene ospitato nella casa occupata da alcuni profughi provenienti dalla Libia.
Il giorno 5 giugno 2013 il signor Amegandjin, accompagnato dall’avvocato Alessandra Scaglioni, presso la questura di Reggio Emilia per essere fotosegnalato ai fini di presentare domanda di protezione internazionale, viene tratto in arresto a causa di un mandato di cattura internazionale pendente sul suo collo e portato nelle carceri di Reggio Emilia, dove tutt’ora si trova.
L’ accusa labile su cui si fonda il mandato sarebbe quella di appropriazione indebita di denaro di proprietà della ditta per cui lavorava e furto. La Repubblica del Togo presenta il signor Mawluè come un delinquente comune di un reato tutto sommato di limitata gravità e ne chiede la consegna all’Italia. L’attenzione e l’insolito impegno con i quali il governo del Togo richiede l’estradizione di una persona accusata di un reato comune come questo fanno ben pensare che ci sia in realtà la necessità di riavere in patria un oppositore politico e testimone diretto di strutture clandestine nelle quali viene praticata la tortura e la sparizione di personaggi scomodi.
L’associazione Città Migrante, insieme ai legali Avv, Alessandra Scaglioni e Avv. Vainer Burani, nominati dopo l’arresto a Reggio Emilia, si sono attivati per reperire la documentazione relativa agli avvenimenti che il signor Amegandjin ha raccontato mettendosi in contatto con alcuni membri del partito ANC in Togo. La documentazione che i legali hanno allegato alla contro requisitoria dimostrano con certezza l’ appartenenza del signor Amegandjin ad un importante partito di opposizione e la sua qualità inconfutabile di fondatore del medesimo partito di opposizione all’attuale governo, nonché candidato alle prossime future elezioni legislative. Inoltre Mawule risulta essere un oppositore perseguitato , il suo nome è al numero 20 della “liste alphabetique” non esaustiva arrivata direttamente dalla segreteria della ANC togolese da cui si evince la sua tragica storia.
E’ fatto noto che nella repubblica del Togo gli oppositori al governo siano soggetti a persecuzioni, torture, abusi e atti degradanti anche di natura psicologica. Basta utilizzare i veicoli mediatici per accorgersene. Per esempio: Amnesty International, nel suo rapporto 2013, condanna la tortura messa in atto dalla forze di sicurezza e in special modo dall’agenzia di intelligence nazionale, contro civili e personale militare accusate arbitrariamente di complottare contro lo Stato. Inoltre dichiara che sono impiegati metodi di tortura in detenzione pre processuale allo scopo di estorcere confessioni o per implicare penalmente gli imputati.
Ora si attende di sapere quale sarà la sorte di Mawule e se verrà tutelato il suo diritto all’asilo invocato con forza e disperazione. Quello stesso Mawule che, a differenza di tanti altri, nella sua fuga ha incontrato una rete di appoggio e una difesa legale: molto probabilmente, se questo non fosse successo, Mawule non si troverebbe nella casa circondariale di Reggio Emilia ma in un carcere clandestino togolese e la sua vita sarebbe in serio pericolo.

Estradizione: nota sintetica a cura dell’Avv. Alessandra Scaglioni

L’ estradizione è forse il più tipico degli strumenti di cooperazione internazionale per la repressione dei crimini.
Soffre, come tale, del vaglio discrezionale della opportunità politica ma, al contempo, ha tra i suoi obiettivi quello di verificare che un processo di detta natura non vada a ledere diritti considerati fondamentali dalla nostra carta costituzionale.
Essa è disciplinata dagli articoli 697 e seguenti del codice di procedura penale.
La Costituzione italiana, in materia, pone tre principi fondamentali la cui ratio si riflette anche nella nuova normativa in materia di mandato di arresto europeo.
Essa infatti non è ammessa:

- per reati politici (art 10, 4 comma della Costituzione) .
Tale divieto è collegato direttamente con il diritto di asilo che si basa sulla universalizzazione della libertà e della democrazia. Ovvero. Uno Stato non può al contempo riconoscere ad uno straniero il diritto di chiedere in Italia lo status di rifugiato o protezioni similari e di poi consegnarlo senza alcun vaglio preventivo nelle mani di soggetti che potrebbero torturarlo ovvero perseguitarlo;
- è consentita solo ove sia espressamente prevista dalle convenzioni internazionali
- è radicalmente vietata l’ estradizione del cittadino per reati politici (sempre collegato al sopra richiamato articolo 10 della Costituzione).
Inoltre, l’ estradizione è concessa in presenza della doppia incriminazione : il fatto per cui si chiede l’ estradizione deve essere previsto come reato in entrambi gli ordinamenti coinvolti (Stato richiedente e richiesto) . Ma il principio qui richiamato è oggi superato dal mae (mandato di arresto europeo) tanto che numerosi sono oggi i casi di consegna obbligatoria in deroga al principio medesimo.
L’ estradizione è anche governata dal principio di specialità (art 699 cpp) che ne subordina la concessione alla condizione che lo Stato richiedente non sottoponga l’estradato ad alcuna restrizione della libertà personale per fatti anteriori alla consegna diversi da quelli per cui si discute in sede di estradizione.
Il procedimento italiano di estradizione si divide inoltre in due fasi : una giurisdizionale, avanti alla corte di Appello competente, che ha inizio con la richiesta espressa all’ imputato se dia o meno il consenso alla consegna, volta ad accertare la sussistenza delle condizioni per l’ estradabilità ed una amministrativa, volta a dare concreta esecuzione alla estradizione.
La seconda fase ha un fine prettamente politico che lascia in ogni modo al Ministero della Giustizia spazi di discrezionale valutazione sulla opportunità politica di estradare o meno un determinato soggetto.
Se l’ estradato inoltre si trova in stato di detenzione poiché è stata applicata una misura cautelare restrittiva nel corso del giudizio, lo stesso è posto in libertà sia in caso di diniego della estradizione da parte del Ministro che se non sia intervenuta una decisione dello Stesso entro 45 giorni dalla definitività della decisione giudiziaria.
Con particolare riferimento al concetto di reato politico nei procedimenti di estradizione ed il sancito divieto costituzionale si è notato come nel tempo la giurisprudenza costituzionale italiana si sia ispirata al principio della massima espansione dei diritti fondamentali anche nei procedimenti di cooperazione internazionale ai fini della repressione dei delitti considerando prevalenti le ragioni della tutela di tali diritti su valutazioni di carattere processuale od ordinamentale o su scelte politiche, ma al contempo si è assistito all’ abuso da parte di determinati stati richiedenti dello strumento giurisdizionale della estradizione.
Infatti attraverso false accuse per reati comuni ovvero addirittura quasi bagatellari si è cercato di riportare in patria soggetti ritenuti scomodi e pertanto da sopprimere,
Da qui l’esigenza disperata che le Autorità coinvolte possano cogliere il vero fine di una estradizione al di là del carteggio di facciata.

Lug 25

EMERGENZA NORD AFRICA RIPARTIRE DA VIA GORIZIA

Posted on giovedì, Luglio 25, 2013 in Rassegna stampa

Dar Voce Informa, il periodico del volontariato reggiano intervista i profughi provenienti dalla Libia che hanno occupato un’abitazione in Via Gorizia e l’associazione Città Migrante che insieme al Laboratorio aq 16 li sostengono nel percorso di occupazione.

Gli articoli di Vincenzo Cavallarin

Emergenza Nord Africa

Ricominciare da via Gorizia

Dar Voce via Gorizia

 

Ott 7

UN’ALTRA UDIENZA DEL PROCESSO CHE COINVOLGE LA ITAL EDIL

Posted on giovedì, Ottobre 7, 2010 in General, Rassegna stampa

Il 7 ottobre si è svolta un’altra udienza del processo che vede imputate due persone facenti parte della vicenda Ital Edil ed altre società ad essa collegate come la Technological Buiding7. Il processo, che riguarda lo sfruttamento della manodopera irregolare, è stato rinviato al 3 dicembre.

vedi il resconto dell’udienza in rassegna stampa

approfondimenti

Apr 16

CONTINUA IL PROCESSO CHE COINVOLGE LA ITAL EDIL

Posted on venerdì, Aprile 16, 2010 in Rassegna stampa

Nell’udienza del 15 aprile non è stata ammessa la costituzione di parte civile
dell’associazione Città Migrante con la motivazione che l’interesse leso
dell’ipotesi di accusa che si basa sul fatto che questo lavoratore migrante sia
stato sequestrato e gli sia stato tentato di estorcere una somma di denaro in
quella maniera non è ben tutelato dallo statuto dell’associazione che prevede,
si l’assistenza ai cittadini migranti ma in termini molto ampi quindi non
ammissibile ai sensi del’art 75 del Codice Penale.

Città migrante continuerà comunque a sostenere sia il
lavoratore in questo caso specifico ed anche tutti quei lavoratori che hanno
denunciato lo sfruttamento della manodopera irregolare proprio perché
l’associazione è nata quando ha iniziato a manifestarsi in modo massiccio questo
caso dei mancati pagamenti e tantissime persone hanno richiesto sostegno a
Città Migrante.

Il lavoratore migrante è invece stato ammesso come parte
civile al processo.

I due imputati hanno chiesto il rito abbreviato condizionato
alla  perizia calligrafica su due
documenti in quanto sostengono difformità fra le firme fatte sulla querela
presentata dal lavoratore e sui verbali di informazioni assunte e quella che è
la firma apposta in calce al contratto che il lavoratore sostiene essergli
stato predisposto e fatto firmare da parte della ditta Ital Edil.

Hanno inoltre chiesto di sentire come testimone Angelo
Flagello che è uno dei responsabili delle varie società imputate il quale
dovrebbe, secondo la difesa, testimoniare sul periodo in cui il lavoratore
migrante ha lavorato presso di loro. Diciamo che Angelo Flagello non ha uno ma
molti interessi in causa in questa vicenda ed oltre ad essere persona informata
sui fatti è indagato in attesa di essere imputato.

Gli altri testimoni che hanno chiesto di sentire sono due
moldavi che dovrebbero testimoniare dove lavorasse l’imputato all’epoca dei
fatti.

La prossima udienza il svolgerà il 10 giugno

Approfondimenti

Leggi la rassegna:

il_giornale_di_Reggio.pdf

La_gazzetta.pdf

151597-Informazione.pdf

Apr 1

1 APRILE – L’UDIENZA PRELIMINARE DEL PROCESSO CHE COINVOLGE LA ITAL EDIL

Posted on giovedì, Aprile 1, 2010 in Rassegna stampa

Questa mattina si è svolta l’udienza preliminare del
processo nel quale sono accusati due persone facenti parte della vicenda Ital
Edil ed altre società ad essa collegate come la Technological Buiding7.

Tra questi c’è Federico Pozza che è il figlio dell’imputato principale
della vicenda nel suo complesso, Marco Pozza, e Boldisor Victor . L’accusa che
hanno è duplice: sequestro di persona ed estorsione. Sequestro di persona in
quanto l’ipotesi di accusa è che hanno preso questo lavoratore migrante,
portato via in macchina privandolo della libertà per poi minacciare di dargli
fuoco cospargendolo di liquido infiammabile e picchiandolo. L’estorsione è perché
in questo modo l’hanno costretto a rinunciare ad un credito di circa 5000 euro
che questo lavoratore migrante aveva nei confronti della società per somme non
pagate per il lavoro svolto nei mesi precedenti.

Oltre al lavoratore oggi ha chiesto di costituirsi parte
civile al processo anche l’associazione Città Migrante in quanto riteniamo che
ci siano tutti gli estremi anche giuridici per poterlo fare infatti l’associazione
Città Migrante fra i tanti obiettivi ha anche quello di tutelare l’interesse
dei migranti ed in particolar modo i primi a rivolgersi all’associazione sono
stati i migranti che non venivano pagati per i quali poi si aprirà a breve un
altro processo.

La difesa ha preannunciato che chiederanno un giudizio
abbreviato condizionato, a quello che sappiamo oggi, alla richiesta di due
testimoni da sentire ed una perizia grafica. Il giudice ha rinviato al prossimo
15 aprile per decidere sull’ammissione di parte civile e del rito abbreviato
come richiesto dalla difesa.

L’approfondimento della vicenda completa: Città Migrante contro la criminalità organizzata, contro lo sfruttamento per i diritti dei lavoratori

Leggi la rassegna stampa

150647-gazzetta.pdf

150646-carlino.pdf

giornale.pdf

150649-informazione.pdf

Gen 12

PROCESSO A CARICO DI CITTA’ MIGRANTE: RITIRATA LA QUERELA

Posted on martedì, Gennaio 12, 2010 in Rassegna stampa

Il 12 gennaio si è svolta la quarta udienza del processo a carico di un’attivista dell’associazione Città Migrante per aver denunciato lo sfruttamento della manodopera irregolare durante un picchetto il 25 febbraio del 2008. Il processo si è concluso con il ritiro della querela.

Leggi la rassegna stampa

Il Resto del Carlino

La Gazzetta di Reggio

Il Giornale di reggio

L’informazione

 

 

 

Ott 28

RASSEGNA STAMPA IN MERITO AL PROCESSO A CARICO DELL’ASS. CITTA’ MIGRANTE

Posted on mercoledì, Ottobre 28, 2009 in Rassegna stampa

dalla Gazzetta di Reggio del 27 ottobre 2009foto processo

gazetta.pdf

 

dal Giornale di Reggio del 27 ottobre 2009

giornale_di_Reggio.pdf

 

dal Resto del carlino del 27 ottobre 2009

carlino.pdf

 

Dall’Informazione del 27 ottobre 2009

informazione.pdf

 

Dic 20

DALL’EMILIA CLANDESTINA

Posted on sabato, Dicembre 20, 2008 in Rassegna stampa

Buone dal web di Marco Rovelli

Dall’Unità del 20 dicembre

E’ attorno ai tavolini della grande sala dello spazio sociale
Laboratorio Aq16 che a Reggio Emilia , la quarta città in Italia per
numero di clandestini, è nata l’associazione Città Migrante. Lo
sportello migranti del laboratorio raccoglie richieste, aiuta a fare
pratiche. Sono tanti quelli che lamentano di non essere stati pagati,
specie in edilizia. Alcuni hanno preso una piccola parte di quel che
gli spettava, altri niente. In terra reggiana del resto è tutto un
pullulare di attività edilizia, per costruire alberghi, palazzi, nuovi
quartieri residenziali –e se si allarga il raggio, tra Parma e Bologna
ci sono opere importanti: alta velocità, tangenziali, autostrada,
fiorenti attività che non potevano non attirare le attenzioni della
criminalità, come hanno attestato le inchieste della magistratura.
Molti dei lavoratori truffati sono egiziani. Quasi tutti clandestini,
ché il clandestini “serve” a questo: a fare il servo, che lavora e
tace. E’ da loro che nasce l’idea di fare un comitato lavoro irregolari
per rivendicare diritti fondamentali che a loro sono negati. Te lo
dicono molto semplicemente: tutti i clandestini qui a Reggio Emilia
hanno lavorato parecchi giorni con ditte e non sono stati pagati. Il
Comitato lavoro irregolari si è poi trasformato in “associazione Città
Migrante”, che ha coinvolto migranti di altre nazionalità: bisogna
passare a rivendicare i diritti piu’ elementari, che ora ci sono
negati. Bisogna far sapere che noi, sommersi, clandestini, esistiamo. E
far sapere come. Per manifestarsi, uno dei modi è la rete: esiste un
blog (cittamigrante.noblogs.org) che, per quanto non aggiornato
regolarmente, tiene traccia di questa attività di presa di parola.
Ecco, è questa Emilia l’erede delle lotte storiche dei lavoratori di un
tempo. Forse, un giorno, si parlerà di queste esperienze come noi oggi
parliamo delle prime associazioni socialiste nell’Italia
risorgimentale.