RSS Feed

Giornata Mondiale del Rifugiato – 19 giugno- Casa Diritti Dignità!

Posted on sabato, Giugno 13, 2015 in General

casa diritti dignità

In occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato 2015

Casa, Diritti, Dignità!

Basta morti in mare! Libera circolazione in Europa! Diritto all’abitare!

Venerdì 19 giugno 2015

Corteo in bicicletta (puoi partecipare anche senza la bici)

Partenza ore 19 dall’ex Magazzino dei Formaggi occupato, Via Gramsci 44 (RE)

Arrivo Centro Loris Malaguzzi dove raggiungeremo

“Gira la storia. Geopedalata tra storie native e storie migranti”

organizzata da Progetto Sprar, Comune di Reggio Emilia e Cooperativa Dimora D’Abramo

dalle ore 20.30, sarà possibile ascoltare storie migranti. È previsto rinfresco finale

 

In questa giornata mondiale del rifugiato, nell’anno 2015 vogliamo provare a fare un bilancio per capire a cosa ci troviamo davanti oggi.

Continue stragi in mare, persone che fuggono da guerre e miseria alla ricerca di un futuro migliore e non hanno altre alternative per raggiungere l’Europa se non quella di affidare la loro vita a trafficanti di esseri umani, a barche fatiscenti investendo tutto quello che hanno per intraprendere i cosiddetti viaggi della speranza. Questi flussi non si arrestano perché chi è disposto a rischiare la vita per arrivare in Europa non ha altra scelta o possibilità. Perché? Perché nel mondo i conflitti sono molti e in molti paesi si muore di fame e di malattia. Perché non esistono canali di accesso regolari. Perché queste persone non possono entrare in Europa con visti di ingresso . Perché non ci sono canali umanitari per chi fugge dalla guerra.

Queste sono le leggi sull’immigrazione, questa è la politica della gestione dei flussi migratori.

E le vittime sono i migranti che con i loro corpi sfidano il confine, e di confine si può morire.

Gli ultimi scandali di Mafia Capitale, che ormai non sono più una novità in quanto è il sistema a permettere cose di questo tipo, dimostrano come i migranti sono vittime anche del business che si crea intorno all’accoglienza, dove i fondi finiscono nelle tasche di gestori e politici corrotti, gli stessi politici che poi utilizzano la figura del migrante per propagande razziste e fomentano nei territori la cosiddetta guerra fra poveri, gettando inoltre discredito su tutto il mondo della cooperazione.

I soldi ci sono ma vengono spesi male o, come in questo caso, passano da una tasca all’altra.

Quanto denaro viene speso per il controllo e il pattugliamento delle frontiere?

Nel 2015 il budget stanziato per Frontex ( che ha come scopo il coordinamento del pattugliamento delle frontiere esterne aeree, marittime e terrestri degli Stati della UE e l’implementazione di accordi con i Paesi confinanti con l’Unione europea per la riammissione dei migranti respinti lungo le frontiere ) è stato incrementato del 14% rispetto allo scorso anno . Sono stati stanziati 114 milioni di euro.

Denaro che potrebbe essere utilizzato per l’accoglienza in diversi paesi europei fra cui il nostro.

Questi stessi migranti subiscono doppiamente la violenza del confine, prima rischiano la vita e poi, se superstiti, rimangono ingabbiati nei regolamenti di Dublino che obbligano a richiedere asilo nel paese di arrivo e li rimanere. Arrivati in Italia devono restare nel territorio, non possono scegliere di ricongiungersi ai propri familiari in uno stato membro dell’Unione, non possono raggiungere reti amicali o paesi dove il tasso di occupazione è maggiore. Anche una volta ottenuta una forma di protezione internazionale in Italia, possono viaggiare in Europa ma non lavorare (almeno in regola…).

Ci troviamo spesso di fronte a persone che si sono salvate dal mare, che sono anche state inserite in progetti di accoglienza dignitosi ma che una volta fuoriusciti non hanno trovato un lavoro e un posto dove stare, in poche parole in mezzo alla strada. Alcune di queste persone a Reggio Emilia, così come in tante altre parti di Italia hanno deciso di riprendersi il diritto all’abitare e a una vita degna occupando degli stabili lasciati all’abbandono . Alcune di queste persone sono state denunciate per l’occupazione e si troveranno ad affrontare per questo un processo. La giustizia, quella legale fa il suo corso, mentre la giustizia sociale arretra, mentre i migranti continuano a morire in mare, a lavorare in nero in molti paesi europei o nelle campagne del sud, sfruttati e sottopagati e il sistema permette Mafia Capitale, permette a Buonanno della Lega Nord di dire che i rom sono la feccia della società, di fare propaganda razzista , permette che ci siano tante case vuote (creando fra l’altro degrado sia sociale che urbanistico) e tante persone senza casa così come di consumare suolo e terreno quando il bisogno non è di nuove costruzioni ma di riempire di vita quelle che già esistono. Per questo, in occasione della giornata mondiale del rifugiato 2015 partiremo da Via Gramsci 44 (ex Magazzino dei Formaggi), uno degli stabili occupati da alcuni migranti e profughi, sede anche della ciclofficina Raggi Resistenti gestita dagli stessi abitanti delle case occupate a Reggio Emilia, dove si recuperano biciclette ma soprattutto diritti e dignità. Siamo al fianco dei superstiti perché nessuno debba più morire per arrivare in Europa, perché tutti possano scegliere dove vivere e perché la vita di ognuno di noi sia degna. Costruiamo insieme il nostro presente!

Ass. Città Migrante

Comments are closed for this entry.