RSS Feed
Giu 30

Cucine senza frontiere – ven 4 luglio a Casa Bettola

Posted on lunedì, Giugno 30, 2014 in Eventi

Vi aspettiamo venerdì 4 luglio per la serata che concluderà questo primo ciclo di
Cucine senza fontiere  a Casa Bettola,
cena africana e musica dal vivo con i Piunz per sostenere
le case occupate di Via Gorizia e Via Gramsci!

Cucine senza frontiere B

Dal 13 giugno al 4 luglio il venerdì a Casa Bettola

Casa Cantoniera Autogestita – Via Martiri della Bettola 6, Reggio Emilia

Cucine senza frontiere

Ore 20.00  A tavola per il diritto all’abitare e
un’accoglienza degna

Negli ultimi due anni alcuni profughi provenienti dalla Libia, rimasti senza alloggio e costretti a dormire in strada, si sono riappropriati di un diritto fondamentale, quello alla casa, occupando due stabili abbandonati e lasciati al degrado.

Il contributo della cena andrà a sostegno dei lavori di autorecupero degli edifici: per affermare che l’abitare è un diritto di tutte e tutti e che le case non devono essere lasciate all’abbandono e alla speculazione edilizia!

Cucina africana a cura degli abitanti delle case occupate.

10 €   Informazioni e prenotazioni 3387663416

promuovono ass. Città Migrante e Casa Bettola

Call
Send SMS
Add to Skype
You’ll need Skype CreditFree via Skype
Giu 28

Assemblea per il diritto all’abitare Merc 2 luglio

Posted on sabato, Giugno 28, 2014 in Comunicati, General

assemblea casa 2 luglioMercoledì 2 luglio alle ore 21.00 assemblea pubblica presso Casa Bettola, via Martiri della Bettola n°6, (RE) perché non bastano l’indignazione ed il cordoglio per una morte ingiusta, perché vogliamo affermare il diritto alla casa, perché Reggio Emilia diventi la città che vogliamo.

Alla fine è accaduto, dopo aver perso la casa una persona ha anche perso la vita. Dopo il 23 giugno non è più possibile nascondere come il diritto all’abitare per tante persone stia diventando un diritto negato, anche nella nostra città.

Dopo anni di crisi, sistemica e strutturale, non si può parlare di un “emergenza”; è da tempo che stiamo vivendo un profondo processo di impoverimento e precarizzazione di tutta la nostra esistenza, che spinge sempre più persone verso l’esclusione sociale. Il modello di sviluppo capitalista, che dal 1999 ha provocato un’urbanizzazione spropositata a Reggio Emilia, ha riempito le tasche degli speculatori piuttosto che garantire il diritto all’abitare.

Nella nostra città il numero degli alloggi popolari è di gran lunga inferiore sia alle migliaia di abitazioni sfitte, disabitate e lasciate in stato di abbandono, sia alle richieste di alloggio, basta guardare il biennio 2010-2011: su 951 richieste sono state solo 67 le abitazioni assegnate.

Il caso Boldrini è emblematico, è l’esempio della disperazione che attanaglia centinaia di famiglie, sia italiane che migranti, morosi incolpevoli che a causa della crisi si sono ritrovati in una spirale che li ha rapidamente privati dei diritti fondamentali per poter definire la propria vita degna. Dopo aver perso il lavoro ed essere rimasto senza reddito diventa impossibile pagare affitto ed utenze, così si finisce vittime di pignoramenti e sfratti.

Le misure messe in atto dal welfare cittadino, come affitti agevolati, pagamento delle utenze da parte di servizi sociali e Comune e sistemazione delle famiglie in hotel, sono inefficaci ed onerose, tendono solo a tappare pochi buchi senza pensare ad una reale soluzione del problema.

Questo perché da una parte si è sempre creduto (e voluto far credere) che Reggio Emilia non soffrisse di questo problema, relegandolo ad una piccola parte della popolazione; ma con l’acuirsi della crisi, il “caso sporadico” è diventato sempre più una prassi; dall’altra parte perché è stata messa davanti a tutto la tutela degli interessi dei privati, come i grandi proprietari immobiliari e le imprese edili, salvandosi la faccia con qualche misura di carattere emergenziale.

Per affrontare la questione abitativa a livello cittadino non possiamo prescindere da un contesto più ampio. Il recente Piano Casa del premier-rottamatore in sostanza tende ad una tutela del privato: se si guarda oltre i numeri sbandierati (ma è già emerso che i fondi stanziati annualmente saranno di molto inferiori) e gli specchietti per le allodole, come l’incremento degli alloggi a canone concordato e la promessa del recupero degli alloggi fatiscenti, l’articolo 5 lede in maniera brutale il sacrosanto diritto delle persone ad avere accesso ai beni primari, quali acqua ed elettricità e non da ultimo la residenza, qualora si vedano costrette ad occupare una casa per necessità.

Nella realtà dei fatti i fondi disposti per il diritto all’abitare sono meno che in passato: se facciamo un confronto con i provvedimenti di 15 anni fa, di fronte ad un numero di sfratti esecutivi tre volte superiore oggi, le famiglie meno abbienti hanno a disposizione risorse tre volte inferiori.

Per fronteggiare il problema e superare il paradosso di “case senza persone e persone senza casa” crediamo sia necessario trasformare radicalmente l’esistente, capovolgendo il modello di sviluppo della città: recuperare e riqualificare gli immobili sfitti, contrastando la cementificazione ed il consumo di suolo, dando anche la possibilità alle stesse persone che sono rimaste senza casa di poter lavorare al loro ripristino; utilizzare i beni confiscati alla malavita per dare spazio a chi ne ha bisogno; garantire le utenze minime ai morosi incolpevoli; riconoscere la residenza di tutte le persone senza casa che vivono nel territorio cittadino per poter accedere ai servizi sanitari e sociali. E’ inoltre necessario il blocco degli sfratti e la requisizione degli immobili sfitti perché la vita vale molto più della proprietà privata!

Invitiamo tutte e tutti ad un assemblea pubblica mercoledì 2 luglio alle ore 21.00 presso Casa Bettola, via Martiri della Bettola n°6, perché non bastano l’indignazione ed il cordoglio per una morte ingiusta, perché vogliamo affermare il diritto alla casa, perché Reggio Emilia diventi la città che vogliamo.

Casa Bettola, Ass. Città Migrante, Laboratorio Aq16, Pollicino Gnus, GA3, Comitato Provinciale Acqua Bene Comune – Reggio Emilia

 

 

 

Giu 23

ven 27 giugno Cucine senza frontiere con Max Collini (Offlaga Disco Pax) e Arturo Bertoldi (Mumble)

Posted on lunedì, Giugno 23, 2014 in Eventi

Continuano i venerdì di Cucine senza fontiere a Casa Bettola
(Via Martiri della Bettola, 6 RE)

Vi aspettiamo venerdì 27 giugno con cena africana e  Max Collini (Offlaga Disco Pax) e Arturo Bertoldi (Mumble) vi racconteranno la nostra città e le sue storie prima, dopo e durante il riflusso

per sostenere le case occupate di Via Gorizia e Via Gramsci
10 €    Informazioni e prenotazioni  338 7663416

Lo spettacolo  di letture  di Max Collini (Offlaga Disco Pax) e Arturo Bertoldi (Mumble) presenta racconti inediti sul filo della memoria ma ben radicati nel presente, al confine tra quello che avrebbe potuto essere e quello che non sarebbe stato mai.

L’indirizzo che hanno scelto per intitolare il loro progetto è decisamente massimalista: è quello di Palazzo Masdoni, dove ha avuto sede fino alla fine la Federazione Provinciale del Partito Comunista Italiano di Reggio Emilia. Un luogo dove per quarant’anni si sono decise molte delle sorti di “questa città inutilmente bella, di questa città zitella”, come direbbe il poeta. Ascolterete racconti ironici, personali, intimissimi, universali.

Non ne resterete indifferenti, perché nessuno resta indifferente quando incontra la parte di sé che credeva di avere perso.

cucine senza frontiere

Dal 13 giugno al 4 luglio il venerdì a Casa Bettola

Casa Cantoniera Autogestita – Via Martiri della Bettola 6, Reggio Emilia

Cucine senza frontiere

Ore 20.00  A tavola per il diritto all’abitare e
un’accoglienza degna

Negli ultimi due anni alcuni profughi provenienti dalla Libia, rimasti senza alloggio e costretti a dormire in strada, si sono riappropriati di un diritto fondamentale, quello alla casa, occupando due stabili abbandonati e lasciati al degrado.

Il contributo della cena andrà a sostegno dei lavori di autorecupero degli edifici: per affermare che l’abitare è un diritto di tutte e tutti e che le case non devono essere lasciate all’abbandono e alla speculazione edilizia!

Cucina africana a cura degli abitanti delle case occupate.

10 €    Informazioni e prenotazioni  338 7663416

promuovono ass. Città Migrante e Casa Bettola
Giu 19

Il video “Stiamo tutti con gli sposi”- partenza per Milano No Borders Train da Reggio Emilia

Posted on giovedì, Giugno 19, 2014 in Manifestazioni

Sabato 21 saremo a Milano No Borders Train a sfidare i confini dell’Europa insieme ai migranti ed ai rifugiati ingabbiati in questo Paese, e invitiamo tutte e tutti ad essere con noi per disobbedire alle violenze di tutti i confini.

Partenza con pullman dal Parcheggio del Foro Boario ore 10.30. Per info e prenotazioni349/5238926

Il video dell’iniziativa “Stiamo tutti con gli sposi”
(Reggio Emilia, 17 giuno 2014)

Stiamo tutti con gli sposi! La nostra Europa non ha confini!

13

Giu 16

Cucine senza fontiera a Casa Bettola- ven 20 giugno

Posted on lunedì, Giugno 16, 2014 in Eventi

Continuano i venerdì di Cucine senza fontiere a Casa Bettola,
vi aspettiamo venerdì 20 giugno con cena africana e musica dal vivo per sostenere le case occupate di Via Gorizia e Via Gramsci
13
12
14

Dal 13 giugno al 4 luglio il venerdì a Casa Bettola

Casa Cantoniera Autogestita – Via Martiri della Bettola 6, Reggio Emilia

Cucine senza frontiere

Ore 20.00  A tavola per il diritto all’abitare e
un’accoglienza degna

Negli ultimi due anni alcuni profughi provenienti dalla Libia, rimasti senza alloggio e costretti a dormire in strada, si sono riappropriati di un diritto fondamentale, quello alla casa, occupando due stabili abbandonati e lasciati al degrado.

Il contributo della cena andrà a sostegno dei lavori di autorecupero degli edifici: per affermare che l’abitare è un diritto di tutte e tutti e che le case non devono essere lasciate all’abbandono e alla speculazione edilizia!

Cucina africana a cura degli abitanti delle case occupate.

10 €    Informazioni e prenotazioni  338 7663416

A seguire  musica dal vivo  

promuovono ass. Città Migrante e Casa Bettola
Free via Skype
Giu 15

Stiamo tutti con gli sposi! Martedì 17 giugno ore19 piazza Prampolini corteo nuziale per rompere i confini!

Posted on domenica, Giugno 15, 2014 in Manifestazioni

Stiamo tutti con gli sposi! Martedì 17 giugno ore19 piazza Prampolini corteo nuziale per rompere i confini!

la nostra europa non ha confini

Partiamo da Reggio Emilia per violare i dispositivi di controllo delle frontiere, invitando tutte e tutti al corteo nuziale che si terrà martedì 17 giugno alle ore 19 in piazza Prampolini in vista della giornata del 21 giugno a Milano per partire in treno verso le frontiere europee, e violarle collettivamente, alla luce del sole, in tanti, rivendicando, insieme ai migranti, la nostra Europa senza confini.

Il corteo nuziale “Stiamo tutti con gli sposi” che si svolgerà martedì 17 giugno a Reggio Emilia vuole rilanciare anche nel nostro territorio il film “Io sto con la sposa”. “Io sto con la sposa” è la messa in scena (realmente avvenuta) di un finto matrimonio per permettere a cinque palestinesi e siriani sbarcati a Lampedusa e bloccati a Milano di proseguire il loro viaggio clandestino verso la Svezia.

“Ventimila morti in frontiera nel Mediterraneo sono abbastanza per dire basta. Non sono vittime del fato né della burrasca. Ma di leggi alle quali è arrivato il momento di disobbedire. Per questo motivo ci siamo improvvisati trafficanti per una settimana. E abbiamo aiutato cinque palestinesi e siriani in fuga dalla guerra a proseguire il loro viaggio dentro la Fortezza Europa. Al momento dell’uscita del film, potremmo essere condannati fino a 15 anni di carcere per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Ma siamo pronti a correre il rischio. Perché abbiamo visto la guerra in Siria con i nostri occhi, e aiutare anche una sola persona ad uscire da quel mare di sangue, ci fa sentire dalla parte del giusto”.

“È un rischio folle quello che ci stiamo prendendo. Ma vogliamo credere che esista una comunità di persone, in Europa e nel Mediterraneo, che come noi sognano che un giorno questo mare smetta di ingoiare le vite dei suoi viaggiatori e torni ad essere un mare di pace, un mare dove tutti siano liberi di viaggiare, e dove nessuno divida più gli uomini e le donne in legali e illegali”.

Stiamo tutti con gli sposi a partire da Reggio Emilia per smascherare le frontiere esterne ma anche interne che i migranti incontrano quotidianamente, per violarle affermando la libertà di movimento ma anche il diritto di scelta di restare. Nella nostra città abbattiamo le frontiere occupando gli stabili lasciati in disuso insieme a cosiddetti profughi della ex “Emergenza Nordafrica”, a richiedenti asilo e ai migranti che si sono ritrovati a dormire in strada privati di ogni dignità, lottando quotidianamente insieme a tante e tanti altri per il riconoscimento del diritto alla salute così come quello all’istruzione, per una città meticcia, per l’accesso ai diritti di cittadinanza, intesi come diritti universalmente riconosciuti che permettano ad ogni individuo di vivere una vita degna.

Stiamo tutti con gli sposi per andare anche oltre la nostra città, per smascherare l’ipocrisia dei viaggi clandestini nelle mani dei trafficanti, non solo per raggiungere la porta d’Europa ma per continuare il viaggio attraverso le frontiere europee.

Per questo sabato 21 giugno saremo a Milano a sfidare i confini dell’Europa insieme ai migranti ed ai rifugiati ingabbiati in questo Paese, e invitiamo tutte e tutti ad essere con noi per disobbedire alle violenze di tutti i confini.

Ass. Città Migrante, Lab aq16, Casa Bettola

Martedì 17 giugno ore 19 piazza Prampolini – corteo nuziale Stiamo tutti con gli sposi
“Io sto con la sposa” :  www.iostoconlasposa.com

Sabato 21 giugno No borders train. Partenza da Reggio Emila 3495238926

 

Giu 10

Cucine senza frontiere a partire da ven 13 giugno

Posted on martedì, Giugno 10, 2014 in Eventi

Dal 13 giugno al 4 luglio il venerdì a Casa Bettola

Casa Cantoniera Autogestita – Via Martiri della Bettola 6, Reggio Emilia

Cucine senza frontiere
Ore 20.00  A tavola per il diritto all’abitare e un’accoglienza degna

Negli ultimi due anni alcuni profughi provenienti dalla Libia, rimasti senza alloggio e costretti a dormire in strada, si sono riappropriati di un diritto fondamentale, quello alla casa, occupando due stabili abbandonati e lasciati al degrado.

Il contributo della cena andrà a sostegno dei lavori di autorecupero degli edifici: per affermare che l’abitare è un diritto di tutte e tutti e che le case non devono essere lasciate all’abbandono e alla speculazione edilizia!

Cucina africana a cura degli abitanti delle case occupate.

10 €    Informazioni e prenotazioni  338 7663416


A seguire  musica dal vivo  

venerdì 13 giugno Andrea Papini in concerto

Cucine senza frontiere B

Promosso dall’associazione Città Migrante & Casa Bettola

 

Free via Skype
Call
Send SMS
Add to Skype
You’ll need Skype CreditFree via Skype
Giu 4

La lingua è un diritto non una barriera!

Posted on mercoledì, Giugno 4, 2014 in Comunicati, Corsi di italiano

lingua

Il prossimo 6 giugno le alunne e gli alunni delle scuole di Italiano dell’associazione Città Migrante, insieme a tante e tanti migranti dovranno affrontare il test per il raggiungimento del livello A2 di conoscenza della lingua italiana, che le attuali politiche in tema di immigrazione hanno reso obbligatorio per il rilascio dei documenti di soggiorno.
Da sempre nelle nostre aule, ancor prima di verbi e coniugazioni, si parla di diritti e se ne parla insieme a chi tutti i giorni si vede questi diritti negati.
Anche quest’anno abbiamo scelto di seguire queste persone nella preparazione al superamento del test e ci auguriamo che lo superino.
Ma anche quest’anno non festeggeremo!
Noi crediamo che non ci sia nulla da festeggiare nel fatto che una persona si trovi costretta a superare degli esami per poter vivere nel paese in cui ha scelto di vivere o in cui è costretta a farlo per necessità.
Noi crediamo che conoscere la lingua del paese in cui si è scelto di vivere sia un diritto fondamentale e non un obbligo o ancor peggio un ricatto al quale diventa impossibile sottrarsi.
Nelle nostre aule, insieme alle nostre alunne e ai nostri alunni si parla di questo e di tanti altri diritti che ogni giorno vengono silenziosamente negati ai migranti.
Durante questi anni, superando dubbi e paure , insieme a loro abbiamo capito che era giunto il momento che le nostre voci uscissero fuori dalle aule.
Pian piano abbiamo cominciato a riempire le piazze, camminando insieme ad altre donne, uomini e bambini.
Tante lingue diverse, tante voci che insieme chiedono Diritti e Dignità per tutte e tutti.

Le insegnanti e gli insegnanti delle scuole di Italiano dell’associazione Città Migrante

per approfondire: Diritto all’istruzioneTratto da La città che vogliamo a cura di Ass. Città Migrante, Casa Bettola. Lab aq16