RSS Feed
Apr 28

Occupazione di alcuni profughi dalla Libia

Posted on domenica, Aprile 28, 2013 in Comunicati

Oggi alcuni profughi provenienti dalla Libia hanno occupato uno stabile abbandonato da anni in via Gorizia 12 mossi dalla necessità di avere un posto al riparo in cui dormire.Queste persone, tre di origine pakistane ed uno originario del Mali, dopo il decreto di fine “emergenza nord Africa” si sono trovati in una situazione di grave emergenza abitativa e hanno scelto, a differenza di molti altri profughi nella stessa loro condizione che hanno cercato fortuna altrove, di rimanere nel territorio di accoglienza dove hanno costruito un minimo di relazione e conoscenza con la città.

Sono arrivate ormai da due anni nella nostra provincia, in fuga dalla guerra in Libia, in attesa di un permesso di soggiorno per oltre un anno e mezzo vincolati da questa condizione giuridica che ha impedito una reale possibilità di un percorso di vita autonoma.

La cosidetta “Emergenza Nord Africa”, piano di accoglienza nazionale che nel 2011 “distribuì” sull’intero territorio nazionale poco più di 20000 profughi arrivati dalla Libia durante il conflitto e sbarcati nell’isola di Lampedusa, ha mostrato da più versanti esiti fallimentari e pochi casi di reale riuscita. Infatti vediamo come da profughi di guerra, molti siano diventati senza fissa dimora e migranti da una città all’altra. Da Reggio Emilia a Bologna, da Catania a Reggio Emilia e via dicendo…

Oggi si ritrovano ad ingrossare le file dei già tanti senzatetto e queste quattro persone hanno dato voce al loro grido di dignità con questa occupazione.

Abbiamo seguito la vicenda “emergenza nord Africa” fin dall’inizio, favorendo percorsi di interazione e conoscenza con il territorio ma anche supportando i profughi nelle loro battaglie, dal riconoscimento della residenza all’ottenimento del titolo di viaggio.

Oggi nello specifico appoggiamo questa occupazione e invitiamo tutte le persone che come noi credono che avere un posto in cui dormire sia il minimo diritto per qualsiasi essere umano a portare la propria solidarietà, sia con parole e se possibile con materiale di prima necessità come: brandine, lenzola, sacchi a pelo, materassi, taniche per l’acqua, fornelli e lampade da campeggio, torce…

Noi ci siamo, vi aspettiamo.

per contatti
3662063822
cittamigrante@gmail.com

Associazione Città Migrante, Laboratorio aq16

intervista a Kalilou

intervista a Zaman

I quattro profughi hanno indetto per martedi’ 30 aprile un’assemblea pubblica alle ore 20 in via gorizia 12 per spiegare la loro situazione

Apr 26

1° MAGGIO 2013 “TEMPO DI CRISI TEMPO DI RIVOLUZIONE”

Posted on venerdì, Aprile 26, 2013 in Comunicati

Corteo cittadino ore 14.30 a Porta S.Pietro
(Reggio Emilia)

Sesto anno di crisi economica, un sesto anno in cui abbiamo assistito all’acuirsi e all’aumentare delle crisi nella crisi. La concatenazione di crisi che stiamo subendo da troppo tempo è arrivata ad un punto senza ritorno, la pressione del potere dall’alto e da destra cerca di determinare le nostre vite verso la povertà, verso la perdita totale di diritti: dal lavoro alla sanità, dall’istruzione alla mobilità non si salva niente, la scure dell’austerità e del “bene del paese” non lascia respiro a quanti, giorno dopo giorno, lottano per restare a galla, per arrivare alla fine del mese, per mantenere una vita degna e per non restare incastrati nelle maglie dello sfruttamento e del disastro ambientale.

Il teatrino al quale abbiamo assistito in questi ultimi sessanta giorni, dalla formazione del governo alla farsa dell’elezione del Presidente della Repubblica, ci consegnano un quadro misero e tetro in cui le lobby di potere e gli attori principali della governance del paese hanno definitivamente gettato la maschera. Dalla politica istituzionale alle parti sociali confederali sono state spese soltanto parole vuote e prive di ogni ancora con la realtà: l’unico dato di fatto che vediamo è il mantenimento dei propri privilegi a discapito dei diritti di tutti.
In questi sessanta giorni che hanno sconvolto il quadro istituzionale del paese si è assistito a quanto di peggio ci si potesse immaginare. Il PD si è suicidato sotto i colpi del suo zoccolo duro conservatore in un’ ottica di disperata sopravvivenza e la sua classe dirigente ci ha dato per l’ennesima volta la dimostrazione di ciò che deve per forza succedere: la continuità delle politiche del governo Monti e dei dettami della troika non può essere sacrificata sull’altare del cambiamento, tutto deve restare così com’è… l’Europa ed i mercati lo esigono.

Non da meno è stato il fronte del lavoro, i sindacati confederali e Confindustria che si siedono al tavolo per negoziare la fine della conflittualità nel mondo del lavoro subordinato. CGIL, CISL e UIL hanno così definitivamente sacrificato i lavoratori e le loro rivendicazioni per il mantenimento delle proprie burocrazie sindacali.

In questo quadro desolante è descritto l’intero declino politico e sociale del paese.
Le vecchie strutture stanno venendo spazzate via dall’incapacità e dall’inadeguatezza che fin qui hanno dimostrato, ma noi non affonderemo con loro. Non staremo a guardare mentre, giorno dopo giorno, distruggono le nostre vite.

Reddito, casa, lavoro degno, sanità gratuita, scuola pubblica e di qualità sono diritti non negoziabili, tantomeno sacrificabili sull’altare della ferocia del capitale e della sete di profitto di pochi. Gli ultimi anni ci hanno consegnato una parte di cittadinanza attiva che non ci sta, che lotta e che ogni giorno pratica quel conflitto in grado di strappare ciò che le spetta.
E’ il momento di forzare l’orizzonte. Incominciare a tessere il filo della ricomposizione sociale, dentro e tra quella moltitudine di sfruttati ed esclusi che, dal basso e a sinistra, si organizzi in autonomia per costruire l’alternativa al sistema economico politico e sociale delle banche.

Il 1 maggio 2013 ritorniamo in piazza perché non possiamo più accettare che questa sia la data in cui le burocrazie politiche e sindacali sfilano per Reggio Emilia celebrando per l’ennesima volta un mondo che non esiste più.
Oggi come non mai è attuale il “que se vayan todos” che, nel 2001, urlava il popolo argentino vittima del crack neoliberista nelle piazze di Buenos Aires.
Il primo maggio 2013 il nostro grido “ANDATEVENE VIA TUTTI” sarà per gli inamovibili ed inutili baroni della politica, del PD, dei confederali, della cooperazione marcia, dei banchieri e degli industriali.

Abbiamo un’idea di mondo da mettere in pratica e lo agiamo quotidianamente a partire dai nostri spazi liberati dalle logiche del mercato e della speculazione dove studenti, precari, migranti, famiglie e piccoli coltivatori possono organizzarsi, progettare e agire forme di lotta, di partecipazione, di sperimentazione di economie diverse, senza delegare e senza tifare nessuno, ma protagonisti nell’azione e nel pensiero.
Non per creare oasi in questo deserto ma per aprire spazi di agibilità fuori dalle logiche dello sfruttamento dell’uomo e dell’ambiente e per dei diritti che siano per tutte e tutti.
Per questo, proprio a partire dal 1 maggio siamo stati e continueremo ad esserci, al fianco di chi è definito illegale per legge, “clandestino”, sfruttabile proprio per la sua condizione giuridica e a partire da questo per definizione da sempre non rappresentato né dal mondo della politica né da quello dei sindacati confederali.

Noi ci siamo.

Laboratorio Aq16, CasaBettola, Studenti Autorganizzati, Ass. Città Migrante