RSS Feed
Feb 26

I MIGRANTI DALLA LIBIA E LE ASSOCIAZIONI OTTENGONO INCONTRO CON IL CAPO GABINETTO DELLA PREFETTURA

Posted on martedì, Febbraio 26, 2013 in Manifestazioni

Si è svolto oggi sotto la Prefettura il presidio organizzato dall’ass. Città Migrante, Gruppo Emergency Reggio Emilia, ass. Ga3 insieme ai migranti provenienti dalla Libia che sono accolti all’interno del Piano Emergenza Nordafrica nella provincia di reggio Emilia. Il sit-in, molto partecipato, si è tenuto nelle giornate di mobilitazione con i rifugiati lanciata dall’appello del Progetto Meting Pot Europa. I migranti e le associazioni hanno chiesto un incontro con la Prefettura per portare richieste e proposte precise rispetto a quella che dovrebbe essere la conclusione della gestione “Emergenza Nordafrica”. Mancano ormai pochi giorni al 28 febbraio e le questioni urgenti sono ancora molte.
Verso le 12 una delegazione dei migranti dalla Libia insieme alle associazioni sono stati ricevuti dal Capo del Gabinetto Orru’. Al tavolo sono state discusse le richieste/proposte, presentate anche per iscritto.
Il primo punto riguarda la residenza per tutti mi migranti provenienti dalla Libia accolti nelle provincia di Reggio Emilia, in quanto ad oggi ancora comuni della provincia non riconoscono il diritto all’iscrizione angrafica se la persona è sprovvista di passaporto o titolo di viaggio.
Il secondo punto è la necessità del rilascio del titolo di viaggio, ad oggi molte persone non hanno il titolo di viaggio (in particolar modo i cittadini nigeriani del Bangladesh e del Burkina Faso ).
Il terzo ma non sicuramente ultimo punto è il 28 febbraio, data in cui viene decretata la fine della cosidetta Emergenza Nordafrica. Per i migranti provenienti dalla Libia , non sono state create le condizioni minime per iniziare un percorso autonomo.Per questo è necessario garantire, attraverso i comuni in cui sono accolti e coinvolgendo Provincia e Regione, dei percorsi di inserimento sul territorio dopo il 28 febbraio.
Infine è stato ribadito come 500 euro di uscita non siano di certo sufficienti per poter intraprendere un qualsiasi tipo di percorso.
Il capo del gabinetto si è fatto carico di sollecitare i comuni della provincia di reggio Emilia affinchè procedano all’iscrizione angrafica dei migranti accolti nei diversi comuni, di portare all’attenzione della questura la questione del rilascio del titolo di viaggio, e di stimolare percorsi di inserimento.
Il capo del Gabinetto ha inoltre fatto sapere che, dopo aver portato le questioni discusse all’interno dei vari organi proposti farà un resoconto alle associazioni e ai migranti provenienti dalla Libia, questo nel giro di pochi giorni.

Gli interventi video e le foto durante il sit-in dal sito del Melting Pot

 

Feb 22

PRESIDIO CON I MIGRANTI DALLA LIBIA- MART 26 FEBBRAIO

Posted on venerdì, Febbraio 22, 2013 in Comunicati

Martedi 26 febbraio l’ass. Città Migrante, Gruppo Emergnecy Reggio Emilia, Ass. Ga3 hanno lanciato un presidio insieme ai migranti provenienti dalla Libia accolti nella provincia di Reggio Emilia, davanti alla Prefettura (Corso garibaldi), ore 11.00

Tutte e tutti sono invitati a partecipare

Le associazioni ed i migranti hanno delle richieste e delle proposte precise rispetto a quella che dovrebbe essere la conclusione della gestione “Emergenza Nordafrica”.

La lettera inviata alla Prefettura di Reggio Emilia:

Oggetto: Richieste e proposte per conclusione gestione “Emergenza Nord Africa”

Scriviamo questa lettera in merito alla situazione che i migranti provenienti dalla Libia, accolti all’interno del Piano Emergenza Nordafrica vivono oggi. Mancano ormai pochissimi giorni dalla “chiusura emergenza umanitaria Nord Africa”, come confermato dalla Circolare del Ministero dell’Interno n. 1424 del 18 febbraio 2013, e le problematiche irrisolte sono ancora molte nonostante ormai chi è fuggito dal conflitto della Libia abiti da più di un anno e mezzo nel nostro paese e nello specifico nel comune e nella provincia di Reggio Emilia. In molti casi i comuni del nostro territorio sono stati positivamente attivi per vari aspetti dell’accoglienza, cercando almeno di ridurre le aberrazioni della fallimentare gestione complessiva emergenziale , oggetto anche di inchieste e reportage dell’Espresso, di Repubblica e del New York Times.
Nonostante questo rimangono irrisolte questioni importanti e urgenti:

1) Residenza
Come avevamo segnalato il Comune di Reggio Emilia, così come tanti altri comuni non riconosceva il diritto all’iscrizione anagrafica di queste persone se sprovviste di passaporto o titolo di viaggio. A seguito del documento della Prefettura di Reggio Emilia del 25/1/2013 prot n 0000505/AreaII con oggetto:” iscrizione anagrafica titolari di protezione internazionale/umanitaria”, il dirigente anagrafe del comune di Reggio Emilia, visto quel documento, ha ritenuto di essere nelle condizioni di poter procedere alle iscrizioni anagrafiche di tutte le persone accolte nel piano Emergenza Nord Africa titolari di permesso di soggiorno per motivi umanitari e titolari di protezione internazionale, anche se sprovviste sia di passaporto che di titolo di viaggio.
Il documento della Prefettura di Reggio Emilia è stato inviato a tutti i Comuni e dovrebbe quindi essere valido su tutto il territorio provinciale: nonostante questo, numerosi comuni della provincia non procedono all’iscrizione anagrafica delle persone nelle condizioni sopracitate.
Come è noto la residenza è un requisito fondamentale che permette o meno l’accesso ai servizi sociali locali ed ai diritti fondamentali della persona.
Per questo è urgente che la Prefettura faccia un monitoraggio della situazione nei comuni della provincia e solleciti gli inadempienti affinchè procedano al più presto (entro il 28/2/2013) all’iscrizione dei soggetti in questione, in conformità con le leggi vigenti relative al diritto-dovere di residenza.
In caso contrario, le autorità locali saranno responsabili dei disagi e degli ostacoli ad una normale e positiva permanenza sul territorio delle persone a cui lo stato italiano ha dato protezione, accogliendole per quasi due anni in strutture individuate dalle istituzioni stesse.

2) Titolo di viaggio
Ancora molte persone accolte nel piano Emergenza Nord Africa ad oggi non hanno né passaporto né titolo di viaggio. Siccome sono impossibilitate a chiedere il passaporto all’autorità diplomatiche del loro paese, è necessario che la Questura rilasci loro un titolo di viaggio. Molte Questure hanno già concesso il titolo di viaggio alle persone nelle medesime condizioni (protezione sussidiaria o umanitaria) di chi è inserito nel piano Emergenza Nord Africa della provincia di Reggio Emilia, per tutte le nazionalità (ad es. a Bologna tutti i cittadini nigeriani hanno ricevuto il titolo di viaggio).
Alla Prefettura si chiede di far presente alla Questura di Reggio Emilia la necessità di procedere in tal senso ed al più presto.

3) Chiusura Emergenza Umanitaria Nord Africa
Il 28 febbraio si chiuderà la gestione “emergenza Nord Africa”. Per i migranti provenienti dalla Libia ed accolti nella provincia di Reggio Emilia, così come anche quelli in molti altri comuni italiani, non sono state create le condizioni minime per iniziare un percorso autonomo.
Decisivo è stato il ritardo con cui il Governo ha disposto il rilascio dei permessi di soggiorno umanitari, tramite Commissione Asilo: senza permesso, senza carta d’identità, senza titolo di viaggio (sostitutivo del passaporto), nella totale incertezza del futuro è stato impossibile scegliere se restare, se lavorare, studiare, oppure di ripartire verso altre mete. Per gli stessi enti locali e per gli operatori dell’accoglienza è stato impossibile programmare interventi finalizzati alla permanenza sul territorio.
Per questo è necessario garantire, attraverso i comuni in cui sono accolti e coinvolgendo Provincia e Regione, dei percorsi di inserimento sul territorio dopo il 28 febbraio: corsi formativi, tirocini, orientamento al lavoro, assistenza sanitaria adeguata, aiuto per l’affitto.
Anche a Reggio c’è un progetto SPRAR: basterebbe prenderlo come esempio ed estenderlo a tutti i richiedenti e titolari di protezione internazionale ed umanitaria.
Altrimenti queste persone finirebbero in strada e certo non per colpa loro. O, nel migliore dei casi, resterebbero ancora alloggiati per qualche mese ma senza alcun aiuto o progetto istituzionale per una reale integrazione.

Per tutti/e coloro che rimangono, non solo per coloro che sono definiti “vulnerabili”, chiediamo un impegno di tutti gli enti per garantire il rispetto dei diritti di queste persone a cui lo stato italiano ha deciso di riconoscere protezione.

Verso di loro siamo responsabili tutti/e noi come cittadini/e ma ancor più sono responsabili tutti gli enti che hanno fin qua gestito una “emergenza” senza prospettive.

Chiediamo risposte a queste questioni urgenti.

Martedì 26 febbraio alle ore 11 saremo davanti alla Prefettura (competente dal 1 gennaio 2013) per portare all’attenzione pubblica queste necessità e chiediamo che il prefetto o un suo delegato riceva una nostra delegazione.

Ass. Città Migrante, Gruppo Emergency Reggio Emilia, Ass. GA3, insieme e a sostegno dei migranti provenienti dalla Libia accolti nella provincia di Reggio Emilia

Feb 8

A REGGIO EMILIA RESIDENZA PER I MIGRANTI DALLA LIBIA

Posted on venerdì, Febbraio 8, 2013 in General

Dopo una lunga battaglia oggi è ufficiale, tutti i migranti provenienti dalla Libia possono iscriversi all’anagrafe del comune di Reggio Emilia anche se sprovvisti di passaporto e titolo di viaggio. Questo è il risultato di varie mobilitazioni e lotte. Ringraziamo tutte e tutti per essere stati insieme ai  migranti dalla Libia in questo lungo percorso. Un primo passo è stato fatto!

Dal sito del Meltingpot : Reggio Emilia – Residenza per i migranti provenienti dalla Libia