RSS Feed
Ott 17

EMILIA ROMAGNA – NEGATA L’ISCRIZIONE ANAGRAFICA AI RICHIEDENTI ASILO

Posted on mercoledì, Ottobre 17, 2012 in Comunicati

In molti Comuni dell’Emelia Romagna viene negata l’iscrizione anagrafica ai richiedenti asilo. Città Migrante, Emergency Reggio emilia, Ga3 e lo Sportello Migranti TPO Bologna scrivono al difensore civico

Oggetto: Iscrizione anagrafica richiedenti protezione internazionale (asilo)- RTPI

Come associazione Città Migrante (Reggio Emilia), Gruppo Emergency Reggio Emilia, Associazione GA3 Reggio Emilia e Sportello Migranti TPO Bologna che ci occupiamo a vario titolo della tutela dei diritti dei cittadini di origine straniera e promuoviamo iniziative di scambio interculturale e interazione a livello locale, segnaliamo che in molti Comuni della Regione Emilia Romagna i richiedenti asilo non vengono, nonostante esistano precise disposizioni di legge, iscritti nella popolazione residente anche quando hanno una abituale dimora.

Ai sensi della Legge 328/2000 e della Legge Regionale 2/2003, la residenza è un requisito fondamentale per l’accesso ai servizi sociali locali ed ai diritti fondamentali della persona.
Come sottolineato, tra altri, anche dall’Associazione Avvocati di Strada, la questione della residenza costituisce un punto centrale per il problema dell’esclusione sociale.

Le nostre considerazioni riguardano tutta la popolazione dei richiedenti asilo, tuttavia il caso più macroscopico è rappresentato dai richiedenti asilo provenienti dalla Libia durante la guerra e collocati dalla primavera 2011 in strutture individuate dalla Protezione Civile nell’ambito del Piano di Accoglienza “Emergenza Nord Africa”.

Dai nostri contatti con gli interessati, la maggioranza di essi non è quasi mai nemmeno stata ammessa alla richiesta di residenza.
Secondo i dati del monitoraggio regionale Emergenza Nord Africa (Ena), realizzato dal Servizio Politiche per l’accoglienza e l’integrazione sociale della Regione Emilia-Romagna le persone richiedenti asilo o titolari di protezione accolte in Emilia-Romagna al 20 luglio di quest’anno nell’ambito dell’Emergenza Nord Africa sono 1.446, di cui 1.360 sono in possesso di permesso di soggiorno per richiesta asilo.
(Si veda: http://sociale.regione.emilia-romag…)
Di questi 1.446 solo il 17% sono iscritti all’anagrafe.
Secondo i dati della Protezione Civile i migranti provenienti dalla Libia arrivati a maggio 2011 nella provincia di Reggio Emilia sono 196. Il 18 maggio 2011 il 29,83% è stato accolto nel Comune di Reggio Emilia in una struttura collettiva “Polo Logistico” (ex Tav) , dove ad oggi molti di loro ancora hanno dimora, altri invece sono stati trasferiti in appartamenti dove hanno ora dimora abituale, sempre nel Comune di Reggio Emilia.

Anche Bologna, come confermato dallo Sportello Migranti TPO, i richiedenti asilo non vengono iscritti nella popolazione residente, come invece avviene nel Comune di Piacenza, Rimini e Ravenna.

Nonostante la Regione Emilia Romagna abbia inviato una nota (22 maggio 2012 PG 127160) agli enti locali per fare chiarezza in materia e garantire l’accesso ai servizi – sottolineando che i cittadini stranieri richiedenti asilo e i titolari di protezione internazionale hanno diritto all’iscrizione anagrafica se dimostrano di avere una dimora abituale in Italia o se, essendo senza fissa dimora, dimostrano di avere un domicilio- ad oggi nella maggior parte dei Comuni della Regione Emilia Romagna i richiedenti asilo non vengono iscritti nella popolazione residente in quanto viene chiesto loro il passaporto.

Allo Sportello dell’Associazione Città Migrante di Reggio Emilia si sono rivolte in più occasioni persone con il permesso di soggiorno per richiesta asilo sollevando questa problematica, in quanto un richiedente asilo è di norma sprovvisto di passaporto e impossibilitato a richiederlo.
L’Associazione si è confrontata con alcuni degli enti gestori dell’accoglienza verificando che per i richiedenti asilo non si procede all’iscrizione anagrafica.
In particolare segnaliamo che una persona, titolare di permesso di soggiorno per richiesta asilo recatasi presso lo Sportello dell’Associazione Città Migrante accolto in un Comune della provincia di Reggio Emilia, pur avendo trovato spontaneamente lavoro non ha potuto essere assunta poiché impossibilitata ad iscriversi al centro per l’Impiego (quel tipo di lavoro necessitava dell’iscrizione al collocamento): infatti anche l’iscrizione al collocamento è subordinata alla residenza.

Gli operatori dello sportello dell’associazione Città Migrante hanno poi verificato le segnalazioni riportate dalle persone recandosi direttamente all’anagrafe del Comune di Reggio Emilia il giorno 11 ottobre 2012 (con cedolino appuntamento) per accompagnare il signor D.T. e il signor A.D. titolari di permesso di soggiorno per richiesta asilo a chiedere l’iscrizione anagrafica presentando oltre alla copia del permesso di soggiorno e la dichiarazione di ospitalità della struttura in cui dimorano anche la nota inviata dalla Regione Emilia Romagna.
L’operatrice di sportello (Federica Zambelli) ed i signori D.T. e A.D sono stati ricevuti dalla impiegata M.N.: la stessa ha riferito di non poter procedere all’iscrizione anagrafica per la mancanza del requisito del possesso di passaporto, previsto dal Decreto Legge 9 febbraio 2012 n.5 art 5 convertito in legge 4 aprile 2012 n35 e di aver avuto di recente tale indicazione dai dirigenti di settore.
Come si potrà verificare, tale norma non comprende tale requisito, rinviando a documenti non facenti parte integrante del provvedimento. Su richiesta dell’operatrice di sportello sia di protocollare la richiesta di residenza sia di mettere per iscritto il rifiuto dell’iscrizione anagrafica dei 2 cittadini richiedenti asilo , la funzionaria, signora M.N. ha riferito di non poterlo fare e di poter mettere per iscritto solo l’accoglimento dell’istanza.

Questo comportamento istituzionale ci pare significativo e rappresentativo di quanto avvenuto in tutta la regione.

Ciò riteniamo sia particolarmente grave in quanto, come noto, al 31 dicembre 2012 terminerà l’accoglienza “emergenziale” e le persone prive di residenza non avranno alcun titolo per chiedere aiuto sociale ai Comuni in cui si trovano da più di un anno.

Si chiede pertanto l’intervento del Suo ufficio per risolvere al più presto questa difficile situazione, a nostro parere , non rispettosa né delle leggi né dei diritti delle persone con richiesta di protezione, in quanto a livello locale non abbiamo ottenuto risposte soddisfacenti.

Si allega

- PG 127160 del 22 maggio 2012

- Allegato Anagrafe Regione Emilia Romagna

- Emergenza Nord Africa / richiedenti-titolari protezione internazionale – iscrizione Anagrafica Minardi

- Nota Tecnica

- PG 2012 0164707 del 4 luglio 2012

Ass. Città Migrante, Reggio Emilia
Gruppo Emergency Reggio Emilia
Ass. GA3, Reggio Emilia
Sportello Migranti TPO, Bologna